Azienda Presentazione

deltaceramica nasce nel 1996 come azienda specializzata nella commercializzazione, di pavimentazioni in ceramica e gomma. Nel corso degli anni, grazie alle qualifiche professionali ed alle specifiche esperienze dei soci e dei collaboratori, alla dinamica gestione aziendale ed alle consolidate collaborazioni con alcune delle più prestigiose Aziende del settore, ha ampliato il ventaglio delle proprie attività, varcando i confini Regionali.

Oggi deltaceramica è strutturata per offrire ai propri clienti, sull’intero territorio Nazionale, una gamma completa di prodotti e servizi che spaziano dalla commercializzazione, alla consulenza, alla progettazione, alla direzione lavori fino alla fornitura in opera di alcuni dei prodotti commercializzati.

In particolare nel settore degli adeguamenti per ipo non vedenti, deltaceramica è nota a livello Nazionale come azienda leader nel settore.
Con l’ ausilio del proprio studio tecnico, deltaceramica segue dal 1997 la progettazione dei percorsi per disabili visivi, per i quali offre la consulenza e la verifica delle progettazioni, nonché l’assistenza in cantiere in fase di posa, in collaborazione con alcune delle principali associazioni di ipo non vedenti di rilievo Nazionale.
In questo settore, deltaceramica è leader indiscussa per numero di progettazioni , rielaborazioni progettuali, commercializzazioni e forniture in opera eseguite.

Vanta inoltre il primo adeguamento completo al D.P.R. 503/96 relativamente all’abbattimento delle barriere architettoniche per gli ipo non vedenti, in una stazione di una ferrovia regionale della Campania oltre a collaborazioni con le principali Aziende produttrici di percorsi per disabili visivi.

La progettazione degli adeguamenti è sempre realizzata considerando le capacita’ percettive dei non vedenti. Ed e’ sottoposta alla approvazione delle principali Associazioni di non vedenti. deltaceramica ha una propria produzione di mappe tattili con la quale si pone sul mercato con il catalogo più vasto e completo che sia oggi possibile reperire.

 

La normativa italiana

L’ultimo testo in ordine di tempo che se ne occupa specificatamente è il Regolamento emanato con D.P.R. 24 luglio 1996, n° 503, di cui riportiamo qui di seguito alcuni commi che concernono l’argomento trattato.
Art. 1.2 lettera c sono da considerarsi barriere architettoniche e quindi da superare “la mancanza di accorgimenti e segnalazioni che permettono l’orientamento e la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti di pericolo per chiunque ed in particolare per i non vedenti, gli ipovedenti ed i sordi”.
Art. 1.3 le presenti norme si applicano agli edifici e spazi pubblici di nuova costruzione, ancorché di carattere temporaneo, o a quelle esistenti qualora sottoposte a ristrutturazione. Si applicano altresì agli edifici e spazi pubblici sottoposti a qualunque altro tipo di intervento edilizio suscettibile di limitare l’accessibilità e la visibilità, almeno per la parte oggetto dell’intervento stesso. Si applicano inoltre agli edifici e spazi pubblici in tutto o in parte soggetti a cambiamento di destinazione se finalizzata all’uso pubblico, nonché ai servizi speciali di pubblica utilità.
Art. 1.4. agli edifici e spazi pubblici esistenti, anche se non soggetti a recupero o riorganizzazione funzionale, devono essere apportati tutti quegli accorgimenti che possono migliorarne la fruibilità sulla base delle norme contenute nel presente regolamento.
Art. 4 "i progetti relativi agli spazi pubblici ed alle opere di urbanizzazione a prevalente fruizione pedonale devono prevedere almeno un percorso accessibile in grado di consentire l’uso dei servizi, le relazioni sociali e la fruizione ambientale anche alle persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale."
Art. 7.1 "Per le scale e le rampe valgono le norme contenute ai punti 8.1.10. del decreto del Ministro dei lavori pubblici 14 giugno 1989, numero 236." il D.M. richiamato fa obbligo di segnalare l’inizio e la fine delle scale con apposite strisce tattili riconoscibili dai non vedenti, poste ad almeno 30 cm dalle scale stesse.
Art. 13.3 "Per gli spazi esterni di pertinenza degli stessi edifici, il necessario requisito di accessibilità si considera soddisfatto se esiste almeno un percorso per l’accesso all’edificio fruibile anche da persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale. "


deltaceramica s.a.s.
Copyright © 2011-2016 - Via Marc'Antonio, 9 - 80125 Napoli ITALIA - Tel. +39 081 6174324 / +39 081 621217 Fax +39 081 6106535 - P.IVA 06978100631